Capitolo 1: Riconosci il tuo limone – #ilpostofiction

In questi primi giorni di Servizio Civile, sto imparando a conoscere il luogo in cui mi trovo, le attività che si svolgono e le modalità in cui vengono proposte attraverso 50 ore di formazione, una più interessante dell’altra. Per deformazione professionale però, sono rimasta incantata dalle lezioni sulla promozione degli eventi dell’Istituto e le relative attività di comunicazione sui social.
Ecco i passaggi più significativi:

1. “Evviva i giovani, quanto crediamo nei giovani, il futuro sono i giovani” (cit. Doverosi Ringraziamenti), ovvero proponete pure tutte le idee 2.0 più belle ed innovative per i nostri canali social tanto dovranno essere approvate da una gerarchia di vecchi col cappello, imbalsamati da plichi di fogli scritti in burocraramaico antico, convinti che Facebook sia un nemico da combattere un buongiornissimo-caffè alla volta.

Buongiornissimo-Kaffe

2. Per il motivo appena descritto, il Sacro Concetto da acquisire per promuovere un evento in una Pubblica Amministrazione è l’analisi della fattibilità: fatti una domanda giusto per il piacere di farla, tanto la risposta è non è possibile.

ESEMPIO PRATICO: 
“Questo è il nostro auditorium bellissimo, progettato da un architetto del suono di fama mondiale, con un impianto acustico incredibile e un sistema di insonorizzazione che mangia libri di cibernetica e insalate di matematica e quella è la cabina di regia da cui è possibile utilizzarlo, ma gli unici ad avere le chiavi sono due tecnici che finiscono il turno alle 14 e se ne vanno, portandosele appresso. Per questo per gli eventi pomeridiani e serali (praticamente tutti) noi utilizziamo quelle due casse nere. Bisogna ammettere che le prime tre file non ci sentono un granché”.

nope-face

3. Ad ogni modo, per non perdere l’entusiasmo, l’organizzatrice di eventi ci ha proposto la seguente attività sensoriale:
“Riconosci il tuo limone” 
perché – ho riportato fedelmente sul quaderno – “per descrivere qualcosa ci dobbiamo entrare dentro”.
Una metafora che non me la sento di approfondire.

#ilpostofiction

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...